il Molino Bongiovanni

Il Molino Bongiovanni non è solo un mulino, ma molto di più. Oltre alle 90 farine disponibili, al Molino Bongiovanni trovi semi oleosi, fiocchi, legumi, cereali suddivisi in 4 linee prodotto: Cibus Curiose (le farine funzionali), Bongiovanni - Farine e Bontà Naturali (cereali, legumi, semi oleosi, farine, cereali per la prima colazione), Elitè Bongiovanni (le farine più pregiate) e Molino Bongiovanni (le farine macinate a pietra vulcanica)

Un mulino molto particolare

Macinazione a pietra vulcanica

Tutte le farine sono prodotte dal Molino Bongiovanni sono lavorate con un mulino austriaco totalmente in legno con macine naturali a pietra vulcaninca: un pezzo unico di roccia lavica tornito senza aggiunta di colle, 100% naturale.

90 farine introvabili

Da quella di amaranto a quella di semi di zucca. Farine adatte a qualunque tipo di esigenza: pane, pizza, focaccia. Ma anche prodotti dietetici di qualunque tipo.

140% di energia rinnovabile

Grazie all'impianto fotovoltaico installato sul tetto del mulino e la centrale idroelettrica azionata dall'acqua che un tempo alimentava il mulino.

100% in bioedilizia

Non solo farine speciali, ma anche un eccezionale costruzione in bioedilizia: legno naturale sulle superfici e muri in cartongesso isolati con fibra di legno. Iluminazione a Led.

Corsi di approfondimento

Con frequenza mensile, presso il mulino, corsi di pizza e focaccia, corsi per la preparazione di dolci e alimenti vegani.

CHI SIAMO

Luca

Assistenza clienti e social network

Micaela

Ordini fornitori

Annalina

Fatturazione ordini e assistenza clienti

Aldo

Gestione schede prodotti e blog fysis.it

Andrea

Il mugnaio

Ilaria

Amministrazione e Negozio

Fabio

Confezionamento farine

Gabriele

Confezionamento farine
  1. L'attività del mulino di Pogliola affonda le proprie radici nell'ultima parte del 1800 (attorno al 1880), quando la famiglia Bessone lo edifica lungo l'antica strada che collegava Villanova Mondovì a Morozzo, sfruttando la forza motrice dell'acqua del vicino canale Brobbio-Pesio.

  2. La tradizione mugnaia dei Bongiovanni inizia nel 1936, con il subentro di Michele Bongiovanni che inizia come garzone e successivamente come proprietario del mulino, subentrando alla famiglia Bessone.

  3. Un parziale aggiornamento delle attrezzature avviene nel dopoguerra (1952), quando si introduce il sistema di macinazione a cilindri che, affiancando la prima dotazione tecnologica di tre palmenti, poco per volta lo sostituisce.

  4. Nel 1967 viene avviato al lavoro Giuseppe Bongiovanni, figlio di Michele, il quale incrementa, grazie a spiccate doti imprenditoriali e commerciali, il giro d'affari del mulino, contando anche alla collaborazione, prima come dipendente poi come socio, del cugino Sebastiano Bongiovanni.

  5. Nel 2001, con il pensionamento di Sebastiano, giungono nuove forze lavoro, costituite dai figli di Giuseppe: Aldo e Micaela Bongiovanni (che costituiscono quindi la terza generazione di mugnai). Pur continuando la produzione tradizionale con le attrezzature esistenti, nel 2001 viene recuperato uno spazio in un locale al pianterreno in cui viene installata una coppia di macine a pietra.

  6. Nel 2009, soppiantano totalmente l'impianto a cilindri (la macinazione ha pietra resta l'unico metodo di macinazione adottato dall'azienda Bongiovanni).

  7. Nel 2010, con il pensionamento di Giuseppe Bongiovanni, si decide di trasferire totalmente l'azienda in un nuovo sito produttivo più funzionale e costruito in gran parte in Bioedilizia, ampliando così il negozio, gli uffici e l'area di produzione: quest'ultima, oltre ad avere una superficie maggiore, viene completamente costruita a norme ATEX e il mulino a pietra originale viene sostituito con un recentissimo mulino sempre a pietra naturale (vulcanica) ma adeguato alle norme igieniche sanitarie attuali.