Categoria: News

Gli alimenti che abbassano il colesterolo cattivo

Bastano pochi accorgimenti nella dieta quotidiana per equilibrare il nostro organismo, è sufficiente inserire ogni giorno alcuni alimenti per tenere a bada il colesterolo LDL (“cattivo”). A volte li usiamo già e sono nelle nostre cucine, altre volte bastano piccole variazioni nelle abitudini quotidiane per avere benefici enormi in salute e benessere.

Cioccolato fondente amaro
Il cioccolato fondente contiene flavonoidi, antiossidanti naturali che aiutano ad abbassare il colesterolo LDL. Basta consumarlo con moderazione, possibilmente senza zuccheri

Acquista

Avocado
Non serve solo per fare la famosa salsa messicana guacamole: è ottimo nell’insalata (tagliato a fettine sottilissime) o nei panini.

Vino rosso
Il vino rosso contiene resveratrolo, una molecola che protegge il cuore e il sistema cardio-vascolare. Esagerare con il vino è dannoso ma un bicchiere al giorno è estremamente salutare.

The verde o nero
Entrambi questi the contengono potenti antiossidanti: particolarmente il the verde, essendo fatto con foglie non fermentate e meno trattate.

Acquista

Noci e frutta secca
Ricchissime di acidi grassi polinsaturi, possono essere consumate nell’insalata o come snack.

Grano in chicchi
Preziosa alternativa al riso e pasta, il grano in chicchi ricco di fibre riduce il livello di colesterolo nel sangue. Ottimo anche al mattino come colazione con frutta (banane o mele)

Acquista

Pesce
Salmone, tonno ma anche sardine e pesce azzurro sono alimenti estramamente ricchi di omega-3. Da consumare almeno 1 volta a settimana.

Olio Extravergine di Oliva
Di questo alimento si è già scritto tutto: è un vero e proprio elisir di lunga vita. Un paio di cucchiai al giorno come condimento sono la dose raccomandata.

Acquista

Soia
La soia, in tutte le varianti (latte di soia, fagioli di soia, tofu) riduce il colesterolo cattivo del 5 – 6%. Aggiungi il tofu all’insalata o usa il latte di soia nella colazione al mattino.

Acquista

Legumi
Tutti. Fagioli neri, lenticchie e ceci sono essenziali per l’alimentazione.

Acquista

Agrumi
Non dovrebbero mai mancare nella nostra dieta: la classica spremuta del mattino è davvero un toccasana per la salute.

Broccoli e spinaci
Ricchissimi di antiossidanti, aiutano anche la rigenerazione cellulare e l’attività della tiroide.

Farina di carbone: perchè non dovrebbe mai mancare, non solo ad Halloween

Il carbone vegetale si ottiene attraverso un lungo procedimento di combustione e raffinazione. Noto per le sue proprietà di assorbire i gas addominali viene normalmente usato in caso si aerofagia, gonfiore, meteorismo. Ma non solo: il carbone vegetale aiuta la digestione ed è un validissimo alleato contro la gastrite.
È anche estremamente utile per contrastare il riflusso gastroesofageo.

Oltre che ad assorbire i gas intestinali, è in grado di contrastare la diffusione dei metalli pesanti nell’organismo. La sua azione depurante è anche attiva sui farmaci, alcol e altre tossine.

I prodotti alimentari che tra gli ingredienti hanno il carbone vegetale hanno quindi anche un’importante proprietà aggiuntiva disintossicante.

Senza trascurare l’aspetto estetico: qualsiasi prodotto da forno acquista una colorazione nera su cui gli altri alimenti vengono naturalmente valorizzati.

 

Acquista la farina di carbone

Corso Sculture di Pane

Laboratorio per bambini dai 3 anni

Sabato 1 settembre dalle 16,30 alle 18,00

Si mangia quello che si fa e si porta a casa!

INFO E ISCRIZIONI
Le prenotazioni sono obbligatorie via telefono 0174.060007
o mail posta@bongionatura.it

DOVE
Molino Bongiovanni – Pogliola – Mondovì

QUANDO
Sabato 1 settembre alle 16,30

PARTECIPANTI
Massimo 15 bambini

COSTO
€ 5,00 a bimbo

laboratorio per bambini

Nonna siediti, oggi cucino io! | 29 agosto

Laboratorio per bambini da 3 a 12 anni

Impareremo a preparare i Maltagliati secondo la ricetta di Nonna Graziella e Nonno Egidio, partendo dalla materia prima e tirando la sfoglia a mano con la macchina a manovella, come vuole la tradizione.

Selezioneremo le uova e la farina, doseremo gli ingredienti e scopriremo come l’impasto cambia consistenza sotto le dita variando la quantità dell’acqua.
E, come per magia, porteremo a casa il risultato del nostro lavoro.

Ci sarà da sporcarsi le mani e da divertirsi! Merenda compresa!

INFO E ISCRIZIONI
comunicazione@michelis.it

DOVE
Molino Bongiovanni – Pogliola – Mondovì

QUANDO
Mercoledì 29 agosto alle 16,30

PARTECIPANTI
Massimo 15 iscritti

COSTO
€ 5,00 a persona

cardamomo

I 5 modi in cui il cardamomo ti aiuta a perdere peso

Un valido aiuto nelle diete ipocaloriche

Il cardamomo è da sempre considerato dalla medicina ayurvedica essenziale per purificare l’organismo. La scienza oggi ha dimostrato il suo elevatissimo effetto diuretico. Non solo: il cardamomo ha tantissime altre caratteristiche che possono essere un valido aiuto delle diete ipocaloriche.

1. Disintossica

Secondo l’ayurveda alcune malattie o inestetismi del corpo sono provocati da un eccesso di tossine che si accumulano nel nostro organismo e impediscono la circolazione dell’energia. Uno dei rimedi più efficaci è da sempre considerato un the o una tisana con questa spezia.

2. Previene i depositi di grasso nella zona addominale.

È dimostrato scientificamente che la polvere di cardamomo può aiutare ad evitare il deposito di grasso addominale: alcune ricerche hanno dimostrato che in presenza di un’alimentazione ad alto contenuto di carboidrati, il cardamomo aumenta la tolleranza al glucosio, rallentando il deposito di grasso addominale.

3. Perviene la ritenzione idrica

La ritenzione idrica è una delle cause dell’aumento di peso. Il cardamomo è noto per le sue caratteristiche diuretiche fin dall’antico Egitto, con effetti paragonabili ai farmaci.

4. Riduce il colesterolo cattivo

Uno studio su donne a rischio di diabete e sovrappeso ha dimostrato che l’assunzione di cardamomo in polvere ha abbassato significativamente il livello di colesterolo cattivo (LDL), con effetto protettivo verso il colesterolo buono (HDL).

5. Riduce il gonfiore

Uno dei problemi più comuni è il gonfiore addominale provocato da disordini e da alterazioni della flora intestinale.
Il cardamomo contrasta efficacemente alcuni ceppi di di batteri (pseudomonas aeruginosa, saccharomyces cerevisiae, bacillus pumilus, staphylococcus epidermidis, e staphylococcus aureus). È un valido aiuto che bilancia la flora batterica e ristabilisce la normale digestione.

Come integrarlo nella tua dieta

Il suo sapore è particolare e molto gradevole: una volta provato non lo lascierai più. Gli utilizzi sono tantissimi, in ricette sia dolci che salate! Un abbinamento classico è con le carote (in padella o al vapore), ma anche in versione confettura (la marmellata di carote e cardamomo è una prelibatezza!). Prova anche ad aggiungerlo al riso, al pollo o ai legumi!

 

Cardamomo

Facciamo le paste di meliga!

Laboratorio per bambini dai 3 anni

Venerdì 3 agosto dalle 16,30 alle 18,30 faremo le paste di meliga con Marco Vinai dei Biscotti Vinai!

Si mangia quello che si fa e si porta a casa!

INFO E ISCRIZIONI
Le prenotazioni sono obbligatorie via telefono 0174.060007
o mail posta@bongionatura.it

DOVE
Molino Bongiovanni – Pogliola – Mondovì

QUANDO
Venerdì 3 agosto alle 16,30

PARTECIPANTI
Massimo 15 bambini

COSTO
€ 5,00 a bimbo

Facciamo i Torcèt e le paste di meliga

Laboratorio per bambini dai 3 anni

Venerdì 20 luglio dalle 16,30 alle 18,30 faremo i torcèt e le paste di meliga con Marco Vinai dei Biscotti Vinai!

Si mangia quello che si fa e si porta a casa!

INFO E ISCRIZIONI
Le prenotazioni sono obbligatorie via telefono 0174.060007
o mail posta@bongionatura.it

DOVE
Molino Bongiovanni – Pogliola – Mondovì

QUANDO
Venerdì 20 luglio alle 16,30

PARTECIPANTI
Massimo 15 bambini

COSTO
€ 5,00 a bimbo

Laboratorio bimbi

Nonna, siediti! Oggi cucino io!

Laboratorio per bambini da 3 a 12 anni

Impareremo a preparare i Maltagliati secondo la ricetta di Nonna Graziella e Nonno Egidio, partendo dalla materia prima e tirando la sfoglia a mano con la macchina a manovella, come vuole la tradizione.

Selezioneremo le uova e la farina, doseremo gli ingredienti e scopriremo come l’impasto cambia consistenza sotto le dita variando la quantità dell’acqua.
E, come per magia, porteremo a casa il risultato del nostro lavoro.

Ci sarà da sporcarsi le mani e da divertirsi! Merenda compresa!

INFO E ISCRIZIONI
comunicazione@michelis.it

DOVE
Molino Bongiovanni – Pogliola – Mondovì

QUANDO
Venerdì 13 luglio alle 16,30

PARTECIPANTI
Massimo 15 iscritti

COSTO
€ 5,00 a persona

Alimentazione: rendere al meglio alla Maturità

I cibi che aiutano la concentrazione

Spesso l’ansia tende ad essere una cattiva consigliera: nei momenti in cui siamo chiamati a dare il massimo talvolta ricorriamo a un forte consumo di caffè e the per mantenere la concentrazione. Questa abitudine non è del tutto corretta, può anche essere controproducente, alimentando il senso di stanchezza e spossatezza.

Ecco invece alcuni alimenti per potenziar concentrazione e memoria

Anacardi
La frutta secca in genere ha nutrienti preziosi, gli anacardi in particolare hanno un’elevata concentrazione di potassio, fosforo, magnesio, ferro, zinco, rame e selenio, sali minerali noti per favorire la memorizzazione. Inoltre contengono Omega-3 e Omega-5, vitamina C, B1, B2, B5, e acido oleico, un grasso buono per il cuore.

Anacardi Bio

Mirtilli
I mirtilli sono alleati preziosissimi
in succo, infuso, sciroppati o disidratati contengono antiossidanti che proteggono le cellule cerebrali, flavonoidi e antociani che funzionano come un vero e proprio scudo contro la stanchezza.

Mirtilli Bio

Legumi
lenticchie, fagioli e piselli sono fonti di proteine e, soprattutto di acido folico (vitamina B9), essenziale per gli acidi nucleici (DNA e RNA) e per il corretto funzionamento del cervello.

Legumi Bio

Cioccolato
Contiene flavonoidi che aumentano la memoria e le funzioni cognitive. È un aiuto indispensabile per lo studio, specialmente se prolungato. Il cioccolato amaro è anche uno stimolante che favorisce la concentrazione.

Cioccolato

Semi oleosi
Semi di chia, di girasole, di canapa, sesamo…. i semi oleosi contengono triptofano un aminoacido essenziale per la sintesi della serotonina: oltre che a regolare il ciclo sonno / veglia, combatte l’ansia e regola l’umore.

Semi Oleosi

Insomma: scegliere i cibi giusti può essere determinante per migliorare la propria tecnica di apprendimento e la concentrazione per lunghe ore durante gli esami.

pizza al padellino

La pizza al padellino

ALLA SCOPERTA DI UNA DELLE PIÙ ANTICHE TRADIZIONI SABAUDE.

La pizza al padellino (o al tegamino) è una specialità di Torino. Diffusissima fino agli anni 70, è andata man mano a perdersi, sostituita dalla versione napoletana. Solo pochissimi locali ne hanno conservato coraggiosamente la tradizione per decenni. Negli ultimi anni Torino si è trasformata, è diventata una città turistica, notturna, una capitale europea che fa invidia a Parigi e Berlino.
E proprio questa è stata la spinta a riscoprire le tradizioni più antiche, come la pizza al padellino.

Chi non la conosce, chi è cresciuto a pizza napoletana potrebbe inorridire a leggerne la ricetta… ma basta un morso per ricredersi!
La vera differenza non è tanto nello strumento di cottura (il padellino) quanto nella maturazione della pasta. Maturazione non è lievitazione: sono due cose ben diverse. L’impasto lievita, in modo naturale, come in tutte le pizze, rendendo la pasta leggera grazie alla produzione di aria, ma nella versione “sabauda” viene in più lasciato maturare per lungo tempo nel padellino di cottura. Con la maturazione l’impasto si “scinde”, le strutture complesse di proteine, amidi e grassi vengono scomposte in elementi più semplici. La maturazione avviene tenendo il composto al fresco (al contrario della lievitazione), e dona aroma e digeribilità.

L’impasto viene lasciato in maturazione per 24 ore, al fresco o direttamente in frigo, poi una volta steso nel suo contenitore (con un velo di pomodoro sopra per non farlo asciugare), torna a riposo per altre 5 o 6 ore. Il padellino è la classica teglia in ferro blu o alluminio, opportunamente oliata alla base. Il condimento è come la pizza napoletana, con pomodoro, mozzarella e tutti gli ingredienti che preferite. La cottura può essere anche in forno elettrico, a 280° per 6 o 7 minuti.

Utilizzando la miscela Pizza Madre di Molino Bongiovanni si ottimizza il rapporto tra lievitazione e maturazione.

Il risultato è una pizza alta, morbidissima e leggera, con un’aroma e una consistenza straordinari.

Miscela pizza madre

  • 1
  • 2

Orari

il punto vendita di Via Case Molino di Pogliola a Villanova Mondovì (CN) ha oltre 5.000 prodotti sempre disponibili

  • dal lunedì al venerdì

    9.00-12.30 || 14.30-19.00
  • sabato

    9.00-12.30

Molino Bongiovanni

Bongiovanni S.r.l. | Via Case Molino di Pogliola
12089 Villanova Mondovì (CN)
Rea CN 111928 | cap. soc. 50.000 € i.v.
p.iva 00602720047

Iscriviti alla newsletter


sviluppo e grafica: ACD.IT